Cosa resta della ‘reclusione militare’?