La sentenza del giudice penale offre lo spunto per una disamina del delicato tema della perequazione urbanistica sotto un profilo particolare. Trattasi, infatti, di distinguere l’indice di edificabilità, l’indice di densità fondiaria e le relative modalità di calcolo per valutare l’area di proprietà privata su cui realizzare un’opera pubblica, al fine di scegliere, in vece dell’espropriazione, uno degli strumenti nei quali si declina la perequazione urbanistica. In assenza di una precisa normativa nella materia de qua, si ravvisa una plausibile soluzione nel credito compensativo o nella premialità edilizia da spendere necessariamente su un terreno che necessiti di una volumetria (anche aggiuntiva) per l’edificazione.

La c.d. urbanistica perequativa al vaglio del giudice penale

PIERONI, Serenella
2012-01-01

Abstract

La sentenza del giudice penale offre lo spunto per una disamina del delicato tema della perequazione urbanistica sotto un profilo particolare. Trattasi, infatti, di distinguere l’indice di edificabilità, l’indice di densità fondiaria e le relative modalità di calcolo per valutare l’area di proprietà privata su cui realizzare un’opera pubblica, al fine di scegliere, in vece dell’espropriazione, uno degli strumenti nei quali si declina la perequazione urbanistica. In assenza di una precisa normativa nella materia de qua, si ravvisa una plausibile soluzione nel credito compensativo o nella premialità edilizia da spendere necessariamente su un terreno che necessiti di una volumetria (anche aggiuntiva) per l’edificazione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/1062866
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact