Il recente caso Internation Parenthood Federation European Network (IPPF EN) v.Italy (n. 87/2012), deciso lo scorso marzo dal Comitato Europeo dei Diritti Sociali , organismo del Consiglio d‟Europa, permette di tornare a riflettere sull‟obiezione di coscienza prevista dall'art. 9 della legge 194/1978 e sul delicato bilanciamento con gli altri diritti fondamentali coinvolti, in primis quello alla salute della donna.

Obiezione di coscienza e interruzione volontaria di gravidanza: il Consiglio d’Europa ammonisce l’Italia

Di Masi, Maurizio
2014-01-01

Abstract

Il recente caso Internation Parenthood Federation European Network (IPPF EN) v.Italy (n. 87/2012), deciso lo scorso marzo dal Comitato Europeo dei Diritti Sociali , organismo del Consiglio d‟Europa, permette di tornare a riflettere sull‟obiezione di coscienza prevista dall'art. 9 della legge 194/1978 e sul delicato bilanciamento con gli altri diritti fondamentali coinvolti, in primis quello alla salute della donna.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/1353705
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact