La Corte di Strasburgo, pronunciatasi per la prima volta sulla delicata questione della compatibilità con la Convenzione europea della responsabilità degli Internet service providers (ISPs), si è espressa a ‘favore’ della responsabilità degli ISPs e, nel caso di specie, della non violazione dell’art. 10 da parte dello Stato convenuto, suscitando non poche incertezze quanto al ragionamento seguito.

La responsabilità degli Internet service providers e la Convenzione europea dei diritti umani: il caso Delfi AS

Nigro, Raffaella
2015

Abstract

La Corte di Strasburgo, pronunciatasi per la prima volta sulla delicata questione della compatibilità con la Convenzione europea della responsabilità degli Internet service providers (ISPs), si è espressa a ‘favore’ della responsabilità degli ISPs e, nel caso di specie, della non violazione dell’art. 10 da parte dello Stato convenuto, suscitando non poche incertezze quanto al ragionamento seguito.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/1367715
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact