Linguaggio diretto e linguaggio riflesso: ambiguità e trappole dell'intervista filosofica