L’analisi della pittura di Giovanni Vannucci, maestro di Raffaello, si allarga in un più vasto esame dell’iconografia religiosa tra Medioevo e Rinascimento, e del graduale svuotarsi della semantica simbolica propria dell’iconografia sacra medievale. Un caso-studio come il motivo simbolico della «mandorla» (ripreso dal Perugino con sistematica continuità) è un’eccellente dimostrazione di questa «amnesia» semantica, dove il simbolo rimane come puro residuo, privo di linfa vitale.

L'enigma devoto. Miseria e grandezza del maestro di Raffaello

FLAVIO PIERO CUNIBERTO
2017-01-01

Abstract

L’analisi della pittura di Giovanni Vannucci, maestro di Raffaello, si allarga in un più vasto esame dell’iconografia religiosa tra Medioevo e Rinascimento, e del graduale svuotarsi della semantica simbolica propria dell’iconografia sacra medievale. Un caso-studio come il motivo simbolico della «mandorla» (ripreso dal Perugino con sistematica continuità) è un’eccellente dimostrazione di questa «amnesia» semantica, dove il simbolo rimane come puro residuo, privo di linfa vitale.
978-88-6074-861-4
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/1421187
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact