L’introduzione di diverse figure di strumenti finanziari, “partecipativi” e “non partecipativi”, nell’ambito della s.p.a. ad opera della riforma organica delle società di capitali del 2003, rivela problematicità e complessità interpretative che impongono un ripensamento sul contenuto dei classici mezzi di raccolta del “capitale di rischio” e del “capitale di debito” rappresentati dalle azioni e dalle obbligazioni. Lo studio opera una ricognizione della materia degli strumenti finanziari nella s.p.a., in specie per quanto concerne la bipartizione teorica tra strumenti finanziari “partecipativi” e “non partecipativi”, la quale, nella prospettiva dell’autrice, risulta fondata sulla summa divisio tra provvista di capitale di rischio e provvista di capitale di debito. Lo sviluppo dell'indagine si incentra sull’analisi degli strumenti finanziari “partecipativi” diversi dalle azioni di cui all’art. 2346, comma 6°, c.c., sia per quanto concerne la ricostruzione degli elementi della fattispecie, sia per quanto attiene all’analisi della disciplina, con la connessa indagine riguardo all’ampiezza dell’autonomia privata nella definizione del novero dei diritti patrimoniali ed anche amministrativi di cui gli strumenti in esame possono essere dotati.

Gli strumenti finanziari partecipativi

Innocenti, Federica
2017-01-01

Abstract

L’introduzione di diverse figure di strumenti finanziari, “partecipativi” e “non partecipativi”, nell’ambito della s.p.a. ad opera della riforma organica delle società di capitali del 2003, rivela problematicità e complessità interpretative che impongono un ripensamento sul contenuto dei classici mezzi di raccolta del “capitale di rischio” e del “capitale di debito” rappresentati dalle azioni e dalle obbligazioni. Lo studio opera una ricognizione della materia degli strumenti finanziari nella s.p.a., in specie per quanto concerne la bipartizione teorica tra strumenti finanziari “partecipativi” e “non partecipativi”, la quale, nella prospettiva dell’autrice, risulta fondata sulla summa divisio tra provvista di capitale di rischio e provvista di capitale di debito. Lo sviluppo dell'indagine si incentra sull’analisi degli strumenti finanziari “partecipativi” diversi dalle azioni di cui all’art. 2346, comma 6°, c.c., sia per quanto concerne la ricostruzione degli elementi della fattispecie, sia per quanto attiene all’analisi della disciplina, con la connessa indagine riguardo all’ampiezza dell’autonomia privata nella definizione del novero dei diritti patrimoniali ed anche amministrativi di cui gli strumenti in esame possono essere dotati.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/1422861
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact