La Modernità e i suoi "progetti": l'interpretazione di Eric Voegelin