Antenati ingombranti. I limiti della rappresentazione dell’umano