Riflessioni sulla “sensibilità” della pubblica amministrazione