Teocrazia e tecnocrazia: quale parentela?