Da Provenzano a Viola: per la Corte EDU la parola d'ordine è < dignità umana >