Buona fede e responsabilità del professionista nella legge sul rapporto di consumo