L’impunità del pattista pentito: un congegno deterrente travestito da premio