Lo Stato italiano ha approvato la legge 2017 n. 47 nell’ottica non solo dell’accoglienza, ma anche dell’integrazione dei minori stranieri non accompagnati, offrendo un quadro normativo che, da un lato, tende ad accorpare o recepire discipline preesistenti e, dall’altro, le innova, includendo nella categoria dei destinatari della protezione normativa i minori richiedenti asilo e segnando il passaggio da una prospettiva assistenziale ad una nuova dimensione di inclusione sociale. Pertanto, la legge 2017 n. 47 dovrebbe rappresentare un modello per altri Stati membri dell’Unione Europea, specialmente per l’ampia gamma di garanzie e nuovi diritti riconosciuti ai minori e, in particolar modo, per quel che concerne la regolamentazione dell’identificazione e dell’accertamento dell’età. Tuttavia, il complesso di regole che disciplinano la materia si presenta, tuttora, non unitario e spesso farraginoso. Inoltre, nella pratica si assiste alla scarsa applicazione della normativa sui richiedenti asilo, con effetti pregiudizievoli per tutti i migranti, minorenni e neomaggiorenni.

Nuovi diritti per i minori stranieri non accompagnati e richiedenti asilo alla luce della legge 7 aprile 2017 n. 47

Alessia Valongo
In corso di stampa

Abstract

Lo Stato italiano ha approvato la legge 2017 n. 47 nell’ottica non solo dell’accoglienza, ma anche dell’integrazione dei minori stranieri non accompagnati, offrendo un quadro normativo che, da un lato, tende ad accorpare o recepire discipline preesistenti e, dall’altro, le innova, includendo nella categoria dei destinatari della protezione normativa i minori richiedenti asilo e segnando il passaggio da una prospettiva assistenziale ad una nuova dimensione di inclusione sociale. Pertanto, la legge 2017 n. 47 dovrebbe rappresentare un modello per altri Stati membri dell’Unione Europea, specialmente per l’ampia gamma di garanzie e nuovi diritti riconosciuti ai minori e, in particolar modo, per quel che concerne la regolamentazione dell’identificazione e dell’accertamento dell’età. Tuttavia, il complesso di regole che disciplinano la materia si presenta, tuttora, non unitario e spesso farraginoso. Inoltre, nella pratica si assiste alla scarsa applicazione della normativa sui richiedenti asilo, con effetti pregiudizievoli per tutti i migranti, minorenni e neomaggiorenni.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/1465935
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact