Autismo e "teoria della mente". Serve una teoria per l'interazione sociale?