L’autore, muovendo dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 18034 del 2019, esamina il rapporto tra sequestro preventivo finalizzato alla obbligatoria confisca in presenza di un reato tributario e concordato preventivo. L’analisi, evidenziate le difficoltà di coordinamento ancora esistenti tra misure patrimoniali a finalità ripristinatorie e procedure concorsuali, prospetta alcuni possibili criteri di composizione da rimettere all’opera dell’interprete.

Sul tormentato rapporto tra sequestro preventivo finalizzato alla confisca per reati tributari e concordato preventivo

COCIANI SIMONE
2020

Abstract

L’autore, muovendo dalla sentenza della Corte di Cassazione n. 18034 del 2019, esamina il rapporto tra sequestro preventivo finalizzato alla obbligatoria confisca in presenza di un reato tributario e concordato preventivo. L’analisi, evidenziate le difficoltà di coordinamento ancora esistenti tra misure patrimoniali a finalità ripristinatorie e procedure concorsuali, prospetta alcuni possibili criteri di composizione da rimettere all’opera dell’interprete.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/1474800
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact