Arendt, cittadinanza e sfera pubblica