Dante e un nuovo “luogo del pensare”