L’“ultima” violenza sull’umano. Ripensare la pertinenza antropologica di ciò che è politico