Attraverso alcuni testi letterari (soprattutto italiani), ma anche la cronaca e il film, il saggio ricompone alcuni topoi dell'immaginario atomico: l'arma che cessa di essere protesi, l'invisibilità e la silenziosità dell'ordigno atomico, la fine dell'umanità, la vanità del controllo e la dipendenza indotta dalle armi. Riferimento agli autori: Buzzati, Moravia, Svevo, Wells, Volponi, Calamandrei, Tadini, e per il cinema Coppola, Lumet e Kubrick.

Ordigno e apocalisse. Fascino e terrore di un'arma immane

Fabrizio Scrivano
2021

Abstract

Attraverso alcuni testi letterari (soprattutto italiani), ma anche la cronaca e il film, il saggio ricompone alcuni topoi dell'immaginario atomico: l'arma che cessa di essere protesi, l'invisibilità e la silenziosità dell'ordigno atomico, la fine dell'umanità, la vanità del controllo e la dipendenza indotta dalle armi. Riferimento agli autori: Buzzati, Moravia, Svevo, Wells, Volponi, Calamandrei, Tadini, e per il cinema Coppola, Lumet e Kubrick.
9788815292803
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/1493060
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact