L’Autore, prendendo spunto da una pronuncia del magistrato di sorveglianza di Vercelli, si sofferma sugli strumenti di tutela riconosciuti ai detenuti ove gli atti dell’amministrazione penitenziaria vengano a ledere i loro diritti. Al riguardo, richiama la pronuncia della C. cost. n. 26 del 1999 ed evidenzia come la mancata attuazione di tale sentenza continui ad alimentare problemi interpretativi.

Ancora verso la «giurisdizionalizzazione» del procedimento per reclamo

FIORIO, Carlo
2006-01-01

Abstract

L’Autore, prendendo spunto da una pronuncia del magistrato di sorveglianza di Vercelli, si sofferma sugli strumenti di tutela riconosciuti ai detenuti ove gli atti dell’amministrazione penitenziaria vengano a ledere i loro diritti. Al riguardo, richiama la pronuncia della C. cost. n. 26 del 1999 ed evidenzia come la mancata attuazione di tale sentenza continui ad alimentare problemi interpretativi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/165228
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact