In nome del principio di non discriminazione la Corte costituzionale è pervenuta a manipolare più volte la stessa disposizione legislativa, che risulta così alla fine profondamente modificata dai ripetuti interventi del giudice costituzionale, sia pure in un contesto di formale rispetto della discrezionalità legislativa.

L'attuazione del principio di non discriminazione nelle pronunce costituzionali che manipolano più volte lo stesso testo legislativo

PESOLE, Luciana
2006-01-01

Abstract

In nome del principio di non discriminazione la Corte costituzionale è pervenuta a manipolare più volte la stessa disposizione legislativa, che risulta così alla fine profondamente modificata dai ripetuti interventi del giudice costituzionale, sia pure in un contesto di formale rispetto della discrezionalità legislativa.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/165298
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact