Perché si parla ancora di chemioterapia ad alte dosi nel carcinoma mammario?