Commento al saggio di S. Bassnett "Quando una traduzione non è una traduzione?"