Vengono affrontate le problematiche applicative che emergono dalla disciplina dei poteri del funzionario prorogato, la cui disciplina, contenuta nella l. n. 444 del 1994, provoca un effetto paradossale: nata per evitare la discontinuità e positivamente disciplinata per legittimare, in definitiva, un’azione ab origine sine titulo, introduce ulteriori fattori di complicazione, favorendo l’intreccio tra ‘esercizio provvisorio’ ed ‘esercizio di fatto’ della funzione amministrativa. Ne consegue una espansione ‘atipica’ della figura del funzionario di fatto, variamente articolata anche a seconda dell’àmbito regionale di riferimento, con gravi conseguenze in ordine alla sorte degli atti e alla certezza dei rapporti.

Funzionario di fatto e prorogatio dei poteri

PIERONI, Serenella
2005

Abstract

Vengono affrontate le problematiche applicative che emergono dalla disciplina dei poteri del funzionario prorogato, la cui disciplina, contenuta nella l. n. 444 del 1994, provoca un effetto paradossale: nata per evitare la discontinuità e positivamente disciplinata per legittimare, in definitiva, un’azione ab origine sine titulo, introduce ulteriori fattori di complicazione, favorendo l’intreccio tra ‘esercizio provvisorio’ ed ‘esercizio di fatto’ della funzione amministrativa. Ne consegue una espansione ‘atipica’ della figura del funzionario di fatto, variamente articolata anche a seconda dell’àmbito regionale di riferimento, con gravi conseguenze in ordine alla sorte degli atti e alla certezza dei rapporti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/19604
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact