Voltaire sul terremoto di Lisbona: il male e la dignità del finito