Cosiderazioni introduttive a "Georg Simmel come sociologo" di Max Weber