Sul male e sul silenzio della filosofia: Voltaire dal terremoto di Lisbona a Candide