Un artista di "grande credito" tra Roma e Firenze tra classicismo e barocco