La scienza come costruzione di "noumeni". L'esito paradossale della lettura bachelardiana di Kant