Tra ipercritica ed ascesi: lo Spinoza di Teodorico Moretti-Costanzi