Trieste come luogo del non ritorno