Una lettura di Horatius, Carmina I 14