La mostra sullo scultore perugino Vincenzo Danti, tenutasi nel 2008 a Firenze nel Museo Nazionale del Bargello, ha offerto il pretesto per rivisitare l'intera produzione del maestro attivo tra Perugia e Firenze nella seconda metà del Cinquecento. Il contributo analizza le opere giovanili dell'artista a cominciare dalla statua di Giulio III Del Monte, capolavoro bronzeo tuttora visibile sul sagrato della Cattedrale di Perugia. Lo studio mette inoltre in evidenza i legami esistenti tra i convincimenti teorici dello scultore, grande ammiratore di Michelangelo e autore di uno noto trattato, e la sua produzione figurativa. Viene altresì analizzata la misteriosa vicenda che vide lo scultore protagonista dell'esportazione illegale di una celebre statua etrusca, nota come 'Arringatore del Trasimeno'. A quanto narrano le fonti Danti si adoperò perché la statua, varcando notte tempo i confini dello Stato della Chiesa, giungesse nelle mani di Cosimo de' Medici, suo protettore.

Vincenzo perugino

MANCINI, Francesco Federico
2008

Abstract

La mostra sullo scultore perugino Vincenzo Danti, tenutasi nel 2008 a Firenze nel Museo Nazionale del Bargello, ha offerto il pretesto per rivisitare l'intera produzione del maestro attivo tra Perugia e Firenze nella seconda metà del Cinquecento. Il contributo analizza le opere giovanili dell'artista a cominciare dalla statua di Giulio III Del Monte, capolavoro bronzeo tuttora visibile sul sagrato della Cattedrale di Perugia. Lo studio mette inoltre in evidenza i legami esistenti tra i convincimenti teorici dello scultore, grande ammiratore di Michelangelo e autore di uno noto trattato, e la sua produzione figurativa. Viene altresì analizzata la misteriosa vicenda che vide lo scultore protagonista dell'esportazione illegale di una celebre statua etrusca, nota come 'Arringatore del Trasimeno'. A quanto narrano le fonti Danti si adoperò perché la statua, varcando notte tempo i confini dello Stato della Chiesa, giungesse nelle mani di Cosimo de' Medici, suo protettore.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11391/34241
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact