Il “Natural desiderio di sapere” in Federico Cesi