Il globale e l'intimo: luoghi del non ritorno