17. Il giurista e la città (leggendo Bartolo a D. 47, 12, 8)