Il silenzio come possibilità per una didattica speciale