La filosofia italiana come pensiero vivente