L’argomentazione comparativa come chiave di giudizio: il caso Goodwin