Sulle "tracce" del favor rei nella discrezionalità penale