Influenza di Seneca nel concetto anselmiano "id quo maius cogitari nequit"