La "normalità" della ragione scientifica: Bachelard e Korzybski