L'epigrafe di Acquasparta e gli ideali della "studiosa compagnia"