Una sostanza inibitoria prodotta da macrofagi alveolari da malati con tumore polmonare deprime l’attività antifungina delle cellule polimorfonucleate