"L'uomo: pensante che vive". La polemica carabellesiana contro l'antropocentrismo