Il saggio prende in esame alcuni aspetti del servizio postale sette-ottocentesco, in particolare per quanto riguarda il controllo poliziesco e la sorveglianza della corrispondenza da parte dei governi, ed esamina quindi gli effetti e i condizionamenti che tutto ciò comporta sul piano della scrittura e della prassi epistolare, dove vengono attivate complesse strategie di reticenza, di allusione, o di elusione. In questo senso, lo studio inaugura un ambito di ricerca pressoché inesplorato. Vengono esaminati alcuni casi particolarmente significativi ricavati da epistolari famosi, come quello dei fratelli Verri, di Ugo Foscolo, di Giuseppe Mazzini e di Ippolito Nievo.

La lettera reticente. Comunicare per lettera: l'ostacolo dei 'cabinets noirs' tra Sette e Ottocento

Casini, Simone
2002

Abstract

Il saggio prende in esame alcuni aspetti del servizio postale sette-ottocentesco, in particolare per quanto riguarda il controllo poliziesco e la sorveglianza della corrispondenza da parte dei governi, ed esamina quindi gli effetti e i condizionamenti che tutto ciò comporta sul piano della scrittura e della prassi epistolare, dove vengono attivate complesse strategie di reticenza, di allusione, o di elusione. In questo senso, lo studio inaugura un ambito di ricerca pressoché inesplorato. Vengono esaminati alcuni casi particolarmente significativi ricavati da epistolari famosi, come quello dei fratelli Verri, di Ugo Foscolo, di Giuseppe Mazzini e di Ippolito Nievo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11391/919742
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact