Debenedetti, Svevo e il modernismo