Potere di licenziare il lavoratore, limiti oggettivi del giudicato e interesse ad impugnare